2

Ecocolordoppler: cos’è e perché è importante effettuarlo

L’ecocolordoppler è un esame rapido (durata di 15-30 minuti) e non invasivo che consente di ottenere, simultaneamente ed in tempo reale, informazioni su morfologia e struttura degli organi esaminati e sulle caratteristiche di flusso nei vasi al loro interno, rappresentandole sotto forma di punti variamente colorati.

L’analisi delle immagini prodotte dall’ecocolordoppler consente di valutare ed evidenziare numerose malattie, sia nei bambini sia negli adulti, che pur non causando particolari disturbi (sintomi), con il passar del tempo, potrebbero divenire gravi, invalidanti o mortali.

L’ecocolordoppler degli arti inferiori permette di valutare la funzionalità delle vene delle gambe e l’eventuale presenza di ostruzioni (trombi). Inoltre, consente di verificare se la direzione del flusso del sangue abbia, o meno, un andamento inverso rispetto al normale (reflusso). L’esame è consigliato alle persone con insufficienza o incontinenza venosa, condizione che si manifesta con gambe gonfie e vene dilatate e sfiancate (vene varicose).

L’ecocolordoppler delle arterie carotidee, le arterie che decorrono ai lati del collo e che riforniscono sangue al cervello, evidenzia la presenza di restringimenti (stenosi) che fanno arrivare meno sangue al cervello e la presenza di placche ateromatose che potrebbero ostruirle oppure rilasciare piccoli frammenti diretti verso il cervello potenzialmente responsabili di ictus cerebrali o attacchi ischemici transitori (TIA).  Se si hanno fattori di rischio che predispongono alla comparsa delle malattie cardiovascolari (fumo, diabete, ipertensione arteriosa, ipercolesterolemia) è consigliabile effettuare un ecocolordoppler, per la prima volta, intorno ai 50 anni di età.

L’ecocolordoppler del cuore trasmette sullo schermo, in tempo reale, le immagini del cuore permettendo di valutarne la struttura, di verificare il funzionamento delle quattro camere che lo compongono, delle valvole cardiache e di visualizzare il flusso del sangue. L’indagine è consigliata alle persone particolarmente predisposte o già colpite da alcune malattie cardiache come, ad esempio, l’ipertensione arteriosa, il sospetto versamento pericardico, la cardiopatia ischemica, il soffio cardiaco, la stenosi valvolare, l’endocardite infettiva, la dispnea o con familiarità per malattie cardiovascolari genetiche.

START TYPING AND PRESS ENTER TO SEARCH